Tamana ossia sguazzare in un po' di eternità

Ha perso le foglie il mio albero. Le ha perse tutte, tranne una. E’ rimasto lì nudo, scarno.  E’ stato vinto dalla pioggia, dal vento, dal tempo. Tamana- la foglia, ho deciso di darle questo nome- cerca di combattere. Potere restare un altro po’. Il vento la smuove tutta, le fa girare la testa. E’ bagnata.  Me la immagino infreddolita. Il mio albero sembra guardarsi e vede intorno a se le macerie della sua sconfitta, ennesima. Sembra che i suoi rami vuoti cerchino di proteggere invano quell’unica foglia, simbolo di una desolazione totale. Cade Tamana, con un movimento lento. Sa di infinito la sua agonia. Io, al solito, ci vedo un po’ di eterno, eppure Tamana non c’è più.

4 pensieri su “Tamana ossia sguazzare in un po' di eternità

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...