Pallido morte.

Vorrei essere anch’io impermeabile.
Vorrei essere come l’impermeabile giallo orrido di quella triste signora.
Vorrei proteggermi dalle intemperie.
Vorrei essermi particolarmente utile quando c’è vento.
Quando non ho un ombrello.
Non ho un riparo.
Vorrei essere giallo orrido come l’impermeabile della triste signora.

Ma sono color pallido morte.
In balia del vento e della pioggia.
E tutto tocca la mia cute.
E tutto l’attraversa.
E tutto la cambia.
E la macchia.
E la scuote.
La divora.

A niente trovo soluzione.
Affogo nei miei non lo so.
Nei miei non-progetti.
Nelle giornate che nascono senza senso.
E muoiono inerti.

Con indegno rispetto
Io non mi tocco.
Non mi difendo.
Non mi scopro.
Indifesa.
Sguarnita.
Impotente.

L’acqua mi macchia.
Erode le mie cellule.
Trasforma il mio corpo.
Scava il mio volto.

E con indegno rispetto
Io mi sciolgo.
Mi dissolvo.
Svanisco.

Advertisements

9 pensieri su “Pallido morte.

  1. Chi è la signora con l’impermeabile giallo orrido che vorresti essere? Non glissare, però, so bene che ami le cortine fumogene: dici ma non parli, parli ma non dici. 🙂

  2. Dai, l’acqua de divora costringe ad un mutamento che l’impermeabile permetterebbe comodamente di evitare.

    In fin dei conti l’acqua non si può evitare; osservarla prima o poi porterà ad un particolare non ancora noto.

    🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...