Hansel e Gretel e i compleanni

I giorni subito prima del suo compleanno gli fanno venire gli attacchi di panico. All’improvviso senza lanciare alcun segnale. Come fanno i veri attacchi di panico.
Per esempio: è seduto, sdraiato è più realistico, sul suo divano guarda alla televisione una qualsiasi partita di calcio o qualche stupida trasmissione, inizia a fare fatica a respirare, cambia posizione, si siede, si alza, prende da bere,  chiama qualcuno, si guarda intorno, si sveste, si agita, non respira. Così per giorni con attacchi improvvisi fino a quando il fatidico giorno arriva e l’ansia si trasforma in incredibile tristezza, ma incredibile veramente, incredibile come la storia di Hansel e Gretel per capirci.

Conta tutto. Nei giorni prima del suo compleanno la sua vita diventa un numero. Il numero delle camicie, quante ne aveva l’anno prima, il peso, il girovita, il numero di scarpe, i soldi in banca, quelli nel portafogli, il numero di amici, le donne avute, quelle amate, i regali, gli auguri su facebook, i messaggi, le bottiglie d’acqua necessaria in una settimana, quelle di birra. Conta persino le cose che non possono cambiare di anno in anno: il numero di scalini  dal suo appartamento al piano terra, i passi da casa sua alla stazione, dalla stazione al luogo di lavoro, dal luogo di lavoro alla mensa, dalla mensa al luogo di lavoro, dal luogo di lavoro alla stazione, dalla stazione a casa sua, dal piano terra al suo appartamento. Tutto questo perché- stolto- senza volerlo i giorni immediatamente prima del suo compleanno pensa: che cosa me ne  faccio di questa mia vita?   Ed è stolto perché pensarlo i giorni prima del compleanno è roba da stolti. Da stolti incredibili come Hansel e Gretel.

Advertisements

8 pensieri su “Hansel e Gretel e i compleanni

  1. Capisco forse un’allusione all’impossibilità di contrastare il tempo che passa, l’ansia di aver capito che ancora nulla si è fatto di veramente appagante, di realizzante nella propria vita; il panico è devastante…
    Ma è l’accostamento ad Hansel e Gretel che mi sfugge…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...