A proposito della mia giornata di ieri

Tu leggi, studi, poi leggi meglio e studi meglio, ti svegli alle sei, cambi città, alla stazione prendono in giro la tua fede calcistica, ridono ahahaha, ridi anche tu, mandi mail, pensi a progetti, ne scarti qualcuno, cammini, ascolti vecchi album, dici che devi metterne di nuovi sull’mp3, ne scrivi a tua sorella, ti ricorda che c’è internet, dici ok, poi mandi le mail, rispondi alle mail, sorridi a what’s app, leggi articoli scientifici, dici che li devi studiare, pensi che l’unica cosa che ha senso indagare è il cervello, pensi a Bacone, fissi il vuoto, dici wow pensando alla storia degli uomini, chiami il tuo amico, gli dici che sei in città, fissi un appuntamento, sorridi all’edicolante che ti prende in giro per la tua fede calcistica, rubi pezzi di conversazione al bar, mandi mail, pensi a nuovi progetti, ripensi quelli in atto, pensi alle neuroscienze, avresti dovuto studiarle, forse non è tardi, pensi a internet, ancora dici wow, corri alla stazione, cerchi un corso di tedesco, devi saperlo leggere ti dici, che stupenda l’umanità ti dici, rispondi a tua mamma, le dici che sarai lì alle otto, non posso prima, dai mamma le dici, leggi, pensi di cambiare paese, le ferrovie ti fanno sempre questo effetto pensi, migrare di nuovo ti dici, sbuffi, continui a leggere, tuo padre ti aspetta col vocione di sempre e ti dice che sei arrivata troppo tardi, tu gli dai un bacio, tua mamma ti aspetta con le braccia alzate, è contenta, la abbracci forte, ti rimprovera perché la chiami troppo poco, le dai un bacio, pensi che da quando sei al mondo sei la sua promessa di una felicità più felicità, non ti piace ma è così, cenate, tu parli delle cose che stai facendo e di quelle che hai in mente di fare, loro ti ascoltano, ti raccontano storie come sempre, non conosci i protagonisti, non ti interessano ma sei stupita di come li ascolteresti per ore, pensi a quando hai pensato che avrebbero dovuto darti di più, ti vergogni, sono le dieci e mezzo e tua mamma ti parla, ti sembra che stia meglio, ne sei felice, va bene mamma, buona notte le dici, rispondi al suo bacio, accendi la tivù come un riflesso incondizionato, dovrei guardare una puntata di the wire ti dici, ma è una cosa che facciamo insieme ti ricordi, pensi alla ritualità e ai simboli, wow dici ancora, ti trovi davanti la faccia di uno dallo sguardo ottuso, come ne hai visto tanti, come ne hai disprezzato tanti, capisci che l’oggetto della trasmissione sono i rom e se è vero che rubano, non riesci a crederci, sono anni che non vedi un talk politico, ridi quando pensi a politico, ti chiedi se la puntata successiva tratterà l’annoso problema degli americani e se è vero che sono stupidi e viziati come sembrano, senti dire all’uomo dallo sguardo ottuso che i rom sono la feccia della società, non ci credi, lo senti urlare di nuovo che gli zingari sono la feccia della società, in studio c’è una donna sinti e non la vedi picchiare quell’uomo dallo sguardo ottuso, ti arrabbi e ripensi a quella volta che qualcuno ti avevo detto che quelli della tua razza, sì lo avevi sentito dire proprio razza, sono delle merde, ripensi a come ti è salita la rabbia al cervello, a come ti ha offuscato la vista, a come gli hai tirato un calcio diritto veloce in mezzo alle gambe come ti ha insegnato tuo padre quando si preoccupava che tu fossi abbastanza forte da affrontare quelli con lo sguardo ottuso, rivedi i tuoi pugni chiusi così simili alla rabbia di tuo padre, ringrazi il cielo di non aver avuto la sua forza fisica perché altrimenti lo avresti voluto vedere sanguinare, ti fai schifo, ti fa schifo la violenza, sei fiera di quel calcio, sei arrabbiata, vai a letto, non dormi.

9 pensieri su “A proposito della mia giornata di ieri

  1. Quanta merda che c’è in giro e a quanta merda si dà voce per qualche punto di share in più. Disgusto totale. Grazie di questo post che è bellissimo anche senza la sua chiosa. Sarò anche un po’ vampiro: fatti leggere di più.

    Baci!

  2. Il punto è proprio quello che mi sembra di leggere qui. Noi proviamo a vivere la nostra vita, a fare le nostre cose, del nostro meglio nel nostro lavoro, frequentiamo persone di un certo tipo e pensiamo e riflettiamo su certe tematiche, poi arriva il momento in cui il mondo si fa vedere nelle sue brutture. E allora cosa fare?

  3. Ci sono tempi e pause storiche che inevitabilmente ritornaro (i famosi “corsi e ricorsi” di Vico) e questo tempo è forse uno dei più brutti che stiamo vivendo; almeno noi di due tre generazioni al massimo.
    La violenza fisica, ed anche verbale, forse soprattutto quella (e soprattutto commessa da chi più di tutti dovrebbe tutelare l’ordine e definire una certa coerenza e nozione di società) è inaccettabile, soprattutto espressa in maniera gratuita.
    Ma la devastazione etica e sociale che ci sta attanagliando (ancor prima di quella economica) ha creato dei vuoti che si stanno riempendo di violenza e di inconsistenza; assenze dove non c’è più spazio per la riflessione, il rispetto, il pensiero. Diceva qualche anno fa (forse qualcuno in più) la mia insegnante di matematica alle superiori, Mala Tempora Currunt… peccato che non siano terminati ancora. Anzi!

  4. A proposito della giornata del 2 marzo di quest’anno ti faccio presente che siamo a luglio e tu hai dimenticato il blog. Volutamente?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...